Interrogato il 24enne accusato di lesioni sul bimbo di 7 anni

Si è tenuto questa mattina, in Tribunale a Sondrio, l’interrogatorio di garanzia del 24enne valtellinese accusato di maltrattamenti e lesioni personali aggravate nei confronti del figlio, di sette anni, della propria compagna. Oltre che di calunnia aggravata per aver tentato di attribuire l’accaduto, risalente al 16 ottobre scorso, avvenuto nel tiranese, al comportamento di un compagno di classe del bambino e alla mancata sorveglianza delle insegnanti. Aspetto cui gli inquirenti, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Sondrio, coordinati dal sostituto procuratore Elvira Antonelli, non hanno creduto.
L’imputato, presentatosi in aula col proprio difensore, l'avvocato Giuseppe Tarabini, ha risposto alle domande poste dal giudice per le indagini preliminari, Pietro Della Pona, e a quelle formulate dal pubblico ministero. Anche se nel merito nulla è dato sapere, pare che abbia cercato di ridimensionare i fatti quasi non si rendesse del tutto conto della gravità dell'accaduto. Dopodichè la difesa ha chiesto l’applicazione di una misura cautelare meno restrittiva rispetto al carcere, sino agli arresti domiciliari, e i giudice si è riservato di decidere nei cinque giorni di tempo concessigli dalla legge. Con ogni probabilità la riserva verrà sciolta dopo le prossime festività.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
5 + 3 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top