A Morbegno l’arte vista come una caramella

Un viaggio nel mondo della cultura con Carlo Vanoni, autore e attore teatrale morbegnese. “L’arte è una caramella” il titolo dello spettacolo, tenutosi all’Auditorium Sant’Antonio di Morbegno venerdì sera. Originale, ma quanto mai calzante la denominazione della rappresentazione.
Una recita animata e coinvolgente, quella messa in scena da Vanoni, che ha ripercorso i momenti della storia dell’arte. Ogni opera è figlia del suo tempo, è simile a una creatura: viene concepita da un’artista e partorita da un’epoca. Ai tempi del Rinascimento le immagini si trovavano all’interno della superficie della tavola, mentre nell’arte moderna si assiste a una trasformazione epocale: non è più possibile dipingere su una superficie limitata, le immagini viaggiano nello spazio, all’infinito.
Vanoni ha parlato anche della differenza tra pittura e musica. La prima deve rappresentare la realtà, la seconda ci permette di vedere quello che immaginiamo. Anche la musica infatti ha trovato spazio nella rappresentazione dell’autore morbegnese. Chicco Cotelli ha suonato un brano moderno, che rispecchiasse l’evoluzione artistica di quel tempo. Una serata importante anche per la Piccola Opera di Traona che accoglie 20 ragazzi in difficoltà, bisognosi di cure e affetto, cui il ricavato della serata è stato devoluto.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
15 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top