Un “Cofanetto” per i 68 Microfire.

 

C’è il Reggae, c’è lo Ska, e poi il Rock and Roll misto al Punk, quello degli inizi, quello del Settantasette. In “Cofanetto”, primo album dei Sessantotto Microfire, ci trovi tutto questo ed è una scoperta che inorgoglisce passare, traccia dopo traccia, i sei brani che compongono un’opera dietro alla quale è evidente ci sia tanta gavetta ed un background fatto di sub cultura musicale, distante dai dettami della musica contemporanea.
Qui, la sostanza c’è, e la voglia di suonare pure.

Per Tommy, Francesco, Eleonora e Alessandro assieme a Katya, Fabio, Simone, Alessandro e Mimmo, una gestazione di due anni ed un cd che è tutto da scoprire, assolutamente non prevedibile e che gode di una propria identità. Una pioggia di contaminazioni per un disco “fatto di personalità”, come recita “Buone intenzioni”, brano di apertura di questo Cofanetto, prodotto in parte con una campagna di crowdfunding.

Si passa dalla solarità del genere caraibico tutto “in levare”, emigrato in Alta Valle, strizzando l’occhio, con relativa ironia, al contenuto di protesta della traccia quattro, “Masela SIAE”, fino all’ultimo dei brani, “Solo Live”, in parte manifesto di una realtà fatta di concerti, cantine, sound check e furgone. La musica, quella vera, passa da qui.

Appuntamento con i Sessantotto Microfire domani, 29 dicembre, alle 21,30 presso la Cittadella dello Sport di Sondalo, per un concerto di presentazione che, ne siamo certi, lascerà nell’aria tante buone vibrazioni.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
4 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top