Covid, esplode il caso protezioni. Che mancano.

Quaranta posti letto in più in arrivo al Morelli di Sondalo Ospedale Covid 19: serviranno ai pazienti dimessi ma ancora in quarantena che a casa non potrebbero contare su un'adeguata assistenza.

I 40 posti andranno a breve ad aggiungersi ai 200 posti letto per chi necessita di cure, più o meno intensive, ospitati nei padiglioni 1 e 4. I due piani del padiglione 6 sono già stati allestiti, manca soltanto il personale che l'Azienda sta reclutando in questi giorni.

E proprio in tema di personale sconcerta la decisione odierna della direzione strategica Asst relativa alla riduzione dei lavoratori in servizio delle strutture di degenza ospedaliere e non di Sondrio, Morbegno e Chiavenna fino all’organico essenziale a garantire adeguata assistenza a chi rimane ricoverato in questi ospedali ormai pressoché svuotati.

Una mossa, parrebbe, finaalizzata soprattutto a destinare i dispositivi di protezione, che scarseggiano, ai soli operatori impegnati a curare e assistere i pazienti, così da aumentare il loro livello di protezione.

In una nota molto critica inviata da Gerlando Marchica e Gina Piero Durini del Fsi-Csa ai direttori generali di Asst e Ats , al presidente della Provincia e al presidente della conferenza dei sindaci i sindacalisti chiedono se non fosse <il caso di pensare a tutelare anche gli operatori del Presidio Ospedaliero di Sondalo, almeno fino ad un certo periodo, necessario per riprendere le dovute capacità fisiche e mentali ad oggi sottoposte a dura prova. E’ un scelta assolutamente non condivisibile e strategicamente inopportuna e inqualificabile>.

Pare che per dare rinforzi a Sondalo si stiano stilando graduatorie di mobilità – aggiunge Marchica – ma quando c’è un’urgenza non ci sono graduatorie che tengano, va mandato il personale subito>

Nella loro missiva i sindacalisti ricordano anche la realtà di diversi operatori sanitari esposti risultati positivi e alcuni tuttora ricoverati, per sottolineare l’esigenza inderogabile di sottoporre tutti gli operatori delle strutture ospedaliere, territoriali e delle case di riposo a controllo periodico del tampon

Intano a Sondalo nella giornata di ieri si sono registrati sei decessi, cinque uomini e una donna, e nove dimissioni, tutti uomini, a fronte di 19 nuovi ricoveri, mentre i tamponi in corso di analisi sono una novantina e sono sempre tante le persone che ogni giorno si presentano al pronto soccorso. ≪Le necessità aumentano giorno dopo giorno - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito - : il nostro impegno è di dare risposte in tempi brevi per assicurare le cure e l'assistenza necessaria a tutti i malati. Un impegno straordinario, per la struttura e soprattutto per il personale medico e infermieristico, che ci auguriamo i cittadini riconoscano rimanendo in casa e adottando tutti i comportamenti consigliati per fermare la diffusione del contagio e diminuire il numero dei malati≫.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
8 + 10 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top