Ex Ponte Morandi. Cossi al lavoro.

 

Ha avuto inizio alle 15,51 di ieri la gettata del primo basamento del nuovo Viadotto Polcevera.
Si apre così, per la città di Genova e per l’Italia tutta, un nuovo capitolo dopo il crollo, il 14 agosto del 2018, del tristemente noto Ponte Morandi.
L’inaugurazione di ieri, dopo una fase realizzativa delle fondazioni in progress da più di tre mesi.
Un segnale forte per gli abitanti della città, considerando inoltre che i tempi legati al termine dei lavori, serratissimi, parlano di una consegna prevista per aprile del 2020.
Tra le dieci imprese impegnate nella ricostruzione del ponte, anche un pezzo di Valtellina, rappresentato dalla Cossi Costruzioni s.p.a.
La società, fu “salvata” ad aprile da quella che viene tuttora annoverata quale una “limpida azione di solidarietà e sussidiarietà” in seguito alla crisi finanziaria del gruppo Condotte spa, ex detentrice di una consistente parte di Cossi, grazie al provvidenziale intervento di Banca Popolare di Sondrio.
Il gruppo Cossi s.p.a, si è visto assegnata l’esecuzione delle opere civili, le operazioni di movimento terra e della ricostruzione del lato di Ponente del viadotto.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
7 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top