Frana a Lierna sulla super 36, bloccata la circolazione

Superstrada 36 off limits, dalle 19 di ieri, a causa della caduta di alcuni grossi massi all’altezza del chilometro 67, nel territorio comunale di Lierna, poco prima della galleria Scoglio. Frana che ha interessato sia la carreggiata nord, sia quella sud, danneggiando anche la volta d’ingresso del tunnel.
Nessun danno, fortunatamente ai mezzi in transito, nonostante la giornata festiva e l’orario tipico degli spostamenti di rientro in cui è accaduto il fatto, anche se alcuni automobilisti hanno evitato, per poco, di essere travolti. Non si sono registrate ripercussioni neppure sull’abitato di Lierna, ma la superstrada è stata immediatamente chiusa nel tratto Abbadia Lariana-Bellano per permettere ai vigili del fuoco di Lecco di intervenire sia sulle carreggiate, con quattro automezzi mobilitati dai distaccamenti di Valmadrera e di Bellano, sia nell’abitato di Lierna per effettuare le necessarie verifiche. Inviato sul posto anche l’elicottero dei vigili del fuoco, elinucleo di Malpensa, che, questa mattina, ha portato in quota il geologo e l’ingegnere Anas per effettuare il sopralluogo sul corpo frana che richiederà interventi di disgaggio e messa in sicurezza.
Obbligatoriamente dirottata sulla provinciale 72 del lago, la circolazione stradale a partire dalle 19.30 di ieri e per tutta la giornata di oggi. Con gli autoveicoli e i mezzi pesanti che, in direzione nord, hanno dovuto percorrere interamente la provinciale per rientrare in superstrada a Bellano, mentre, in direzione sud solo gli autoveicoli hanno potuto raggiungere, quantomeno, Bellano per poi immettersi nella provinciale, mentre per i mezzi pesanti l’ingresso sulla 72 è stato obbligatorio fin dal Trivio. Inevitabili le code e gli ingorghi con ripercussioni pesantissime sulla circolazione, soprattutto nella giornata odierna.
E questo nonostante il presidio delle forze dell’ordine, in particolare la Polizia Stradale di Lecco e quella di Bellano. E per quanto potuto apprendere, l’arteria potrebbe essere percorribile a singhiozzo ancora per alcune ore, non essendone prevista, al momento, la riapertura.
Bloccata, dalle 19 di ieri sera, almeno fino alle 21, anche la circolazione ferroviaria che è, poi, ripresa, lentamente, accumulando, in serata, fino a 60 minuti di ritardo.
Nel tardo pomeriggio di oggi, da Anas, è giunta una nota stampa che annuncia, per domani, l’avvio delle operazione di messa in sicurezza del versante roccioso interessato dallo smottamento, a 200 metri di altezza sopra la statale 36. Occorre rimuovere materiale instabile e consolidare le pendici. Domattina verrà effettuata un’ulteriore verifica da rocciatori e geologi. Solo una volta effettuati gli interventi più urgenti e prioritari, ed accertato che non vi sia alcun rischio per la sicurezza del transito, potrà essere riaperta la carreggiata sud della statale. Per la nord occorrerà attendere l’ultimazione dei lavori anche tramite posa di reti paramassi.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
3 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top