Tovo fa un bagno di cultura

“Il mondo senza letteratura e arte è povero, barbaro e orfano di emozioni” diceva nel 1926 il premio nobel per la letteratura Grazia Deledda, scrittrice italiana omaggiata dal Comune di Tovo Sant’Agata, domenica 19 maggio, in casa Canali, in occasione delle premiazioni di 36 alunni delle medie di Grosio, Grosotto e Sondalo, Ponte, Trombini di Tirano, Santa Maria di Poschiavo, iscritti alla terza edizione del concorso letterario.
Un bagno di cultura per un concorso sul tema dell’acqua. 30 elaborati il cui giudizio è stato tutt’altro che facile per Simone Evangelisti e i colleghi Agnese Bresesti, Clara Castoldi, Yvonne Braun, Serena Bonetti, Antonio Sisana. Vincono Nicola Patrizi Dell’Agnello di Tirano con «La volta che Poseidone pianse»; Paolo Sala Della Cuna di Grosotto con «Caro nonno»; Greta Fanchi di Ponte con «La forza dell’acqua».
Nicola non se lo aspettava, ora vuole diventare scrittore.
Paolo Sala della Cuna studente di Grosotto, secondo classificato, evidenzia il senso catartico dell’acqua che l’ha sempre unito al nonno, quella degli spruzzi in giardino, ma anche delle soluzioni per fleboclisi che lo tenevano in vita in ospedale.
Greta ringrazia la sua professoressa che l’ha spronata a iscriversi.
Un bagno di cultura, ma anche di musica con l’Accademia Nuova Musa di Lovero capitanata da Ivano Giudes che fra questi giovani cerca nuovi adepti. Il sindaco Corrado Canali si complimenta con i giovani e con gli artefici della kermesse, l’assessore Roberta Giffalini e Jessica Armanasco.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top