BORMIO: ORIENTE E OCCIDENTE UNITE DALLA MUSICA

Si è innalzato al cielo pari a preghiera in delicati giochi sonori fino alle alte vette del Nepal. Una serenata antica, un suggestivo incanto dagli accenti agresti il suono del flauto Bansuri offerto sabato scorso nella sala Stua Granda a Bormio nell’ambito dell’evento promosso dal museo civico. A darsi la mano oriente ed occidente in un ideale, suggestivo viaggio musicale grazie a un maestoso concerto dall’intensa bellezza tra flauti, campane tibetane e sublimi note di piano. Performance di assoluta padronanza tecnica unita a magistrale capacità di dialogo fra i musicisti Alessandro Ruggeri, Chicco Cotelli e Antonello Flammia. Una esibizione di rara intensità che ha messo in luce la bravura del flautista Ruggeri e permesso alla folta platea presente di avvicinarsi alla spiritualità dei suoni mistici. O meglio…dei suoni dell’anima

Un musicista amante della montagna Ruggeri, attivo in progetti proprio per la conoscenza del flauto, della musica in generale e dei segreti delle vette.

Ad accompagnare Ruggeri il talento del pianista Cotelli e il clarinettista Flammia. Molto apprezzato il repertorio proposto. Fra i brani Amazing Grace, Over the rainbow, Summertime. Pubblico prodigo di calorosi applausi. Un team di artisti, premiati da molteplici riconoscimenti di pubblico e critica, che hanno in serbo novità musicali di sicuro interesse fra le quali una produzione congiunta.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 9 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top