Trovato senza vita il fungiatt disperso da ieri sera.

Ancora una giornata negativa per la lista degli appassionati cercatori di funghi dispersi nelle nostre montagne e ritrovati senza vita, una lista che ha visto aggiungersi, ieri, ben due nominativi. Nella mattinata di ieri, infatti, un fungiatt del milanese era stato ritrovato senza vita nei boschi di Gerola Alta, individuando la causa del decesso in un malore. In serata, invece, è stata la famiglia dell'ex Presidente Cai di Morbegno, Vincenzo Spreafico, morbegnese 60enne, a lanciare l'allarme al 118 e al soccorso alpino per il mancato rientro del familiare dopo la sua partenza, al mattino, per i boschi tra i territori di Cosio e Rogolo. L'elicottero ha lasciato sul posto in cui si pensava si sarebbe potuto trovare il disperso, una squadra di soccorritori, che ha cominciato a battere il terreno palmo a palmo. Alla famiglia, Spreafico aveva detto che avrebbe lasciato l'auto in località Alpe Piazza, nel territorio di Cosio, ma l'esperto camminatore avrebbe potuto prendere qualsiasi sentiero. Col sopraggiungere della notte si sono aggiunti alle ricerche anche gli uomini del Sagf della GdF, della Protezione Civile e dei VVFF, intervenuti con la loro fotoelettrica per illuminare la zona delle ricerche. Il corpo privo di vita del morbegnese è stato ritrovato nella tarda serata, poco prima di mezzanotte in Val Lesina, ma le operazioni di recupero si sono svolte stamane grazie all'intervento dell'elicottero del 118 che ha riportato la salma all'obitorio di Morbegno.
  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
4 + 15 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top