Centinaio a Sondrio: Valtellina patrimonio.

Una Valtellina da bere e da mangiare, ma soprattutto da conoscere per essere consapevoli delle infinite potenzialità offerte dal territorio così da promuoverla al meglio nel mondo cogliendo la sfida. Una valorizzazione turistica delle aree rurali che, se ben fatta, diviene potente traino per l'economia e le politiche agricole. Ne è convinto Gianmarco Centinaio, Ministro alle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, presente questa mattina al teatro sociale di Sondrio per il convegno promosso da Provinea, moderato dalla giornalista Rai Daniela Cuzzolin Oberosler, e dedicato alla candidatura dei vigneti terrazzati del versante retico al registro nazionale dei paesaggi rurali storici. Centinaio ha sottolineato come ognuno di noi debba essere “il biglietto da visita della propria terra” a sostegno del made in Italy nel mondo. Agricoltura più turismo, è questa le scelta vincente per una Valtellina pronta al rilancio, con una industria alimentare che non può essere separata dalle maestranze che lavorano le terre. Una Valtellina consapevole di volersi distinguere e che chiede di essere inserita nel Registro nazionale dei paesaggi rurali storici, una lista nella quale si iscrivono luoghi che hanno mantenuto nel tempo caratteristiche legate alla permanenza delle tradizioni agricole, della produzione alimentare legata ai prodotti tipici. Territori fortemente identitari e da tutelare. Ne ha parlato Mauro Agnoletti, coordinatore scientifico del registro nazionale dei paesaggi rurali storici del Ministero delle Politiche Agricole. Una Valtellina che sembra avere proprio le giuste caratteristiche per ottenere l'inserimento a pieno titolo nel registro nazionale. Fabio Rolfi, assessore all'agricoltura di Regione Lombardia, si è soffermato sull'importanza di una agricoltura attrattiva e distintiva dove le nostre tradizioni rappresentano la forza. “La programmazione dei progetti deve essere regionale”. A focalizzare l'attenzione sulla trasformazione del paesaggio e su come è avvenuta grazie anche “all'arte dei muretti a secco” (patrimonio immateriale Unesco) è stato, invece, Dario Foppoli. Fra gli autorevoli relatori del convegno “Valtellina, un patrimonio chiamato territorio” anche Massimo Sertori, assessore di Regione Lombardia, Paolo Voltini, presidente Coldiretti Lombardia, Marco Scaramellini, sindaco di Sondrio, Fabio Molinari, dirigente Ufficio scolastico territoriale. Presenti fra il pubblico le scuole sondriesi.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top