COLDIRETTI SONDRIO. Recovery-plan, patto tra Coldiretti e Regioni padane contro le polveri sottili

Già oggi la nostra agricoltura è “green” e rappresenta una quota minima per le emissioni inquinanti: ora ci sono nuovi margini di miglioramento grazie all’economia circolare
Un patto tra Coldiretti e Regioni per ridurre l’inquinamento da polveri sottili promuovendo progetti di economia circolare da inserire nel Recovery plan e in un piano nazionale per la transizione ecologica. E’ il risultato dell’incontro tra il presidente della Coldiretti Ettore Prandini e gli assessori regionali all’Agricoltura e all’Ambiente dei territori del Bacino Padano per valorizzare il ruolo delle campagne e degli allevamenti nella lotta allo smog, dopo il deferimento dell’Italia da parte della Commissione Europea per il mancato rispetto dei valori limite di sostanze inquinanti, che rischia di tradursi in pesanti sanzioni economiche.
“La nostra agricoltura – spiega Silvia Marchesini, presidente Coldiretti Sondrio – contribuisce solo per il 7% alle emissioni inquinanti, ma possiamo migliorare e rendere i nostri allevamenti ancora più green in un’ottica di economia circolare, ad esempio con la produzione di energia pulita dalle deiezioni animali e con i fertilizzanti naturali. Servono però gli strumenti necessari per aiutare tutte le aziende, a prescindere dalle dimensioni, per affrontare questo processo di innovazione e di maggiore sostenibilità”.
Al summit – spiega la Coldiretti Lombardia – hanno preso parte, assieme al segretario generale della Coldiretti Vincenzo Gesmundo e al presidente di Coldiretti Lombardia Paolo Voltini, l’assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, Fabio Rolfi, quello all’Ambiente Raffaele Cattaneo, gli assessori della Regione Emilia Romagna all’Ambiente Irene Priolo e all’Agricoltura Alessio Mammi, gli assessori del Veneto Federico Caner (Agricoltura) e Gianpaolo Bottaccin (Ambiente) e gli assessori Fabio Carosso (Ambiente) e Marco Protopapa (Agricoltura) della Regione Piemonte.
“Come ha ribadito il presidente nazionale Prandini, bisogna lavorare a un Piano di sviluppo nazionale di transizione ecologica per le Regioni a vocazione zootecnica – ha sottolineato il presidente Marchesini – per aiutare le imprese ad acquistare i macchinari e a fare un posizionamento comune per il Ministero della transizione ecologica per avere adeguata attenzione nel Recovery plan”. È importante un maggiore coordinamento tra le Regioni – conclude Coldiretti – per garantire omogeneità delle misure sulla lotta all’inquinamento, assicurando l’efficienza dei risultati e salvaguardando la competitività delle imprese.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
4 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top