La Questura interviene in due episodi di minaccia di suicidio.

Due interventi da parte degli uomini della Questura in meno di 24 ore, ma, in entrambi i casi, si sospetta che le due persone coinvolte avessero in mente di togliersi la vita. Il primo episodio ha avuto luogo nel morbegnese nella serata di ieri. Un cittadino 36enne, con intenti suicidi, o almeno così ha lasciato intendere nel corso della telefonata fatta alla Questura, sarebbe stato fermato in tempo dai CC di Morbegno, prima che il gesto si concludesse in tragedia. L'uomo avrebbe infatti avvisato il centralino della Questura di Sondrio di stare per compiere un gesto estremo. La donna al centralino è riuscita a calmare l'uomo, intrattenendolo e fornendo la possibilità di accertare che l'uomo stesse chiamando da un'abitazione di Morbegno. I CC della città del Bitto sono potuti intervenire, trasportando l'uomo presso l'ospedale cittadino per accertamenti. Una telefonata anonima è giunta, invece, quest'oggi all'ora di pranzo al centralino del 113. Una signora ha segnalato la presenza di una ragazza seduta sul ponte presso il fiume Mallero, con le gambe a penzoloni e lo sguardo fisso nel vuoto. Sul posto è stata immediatamente inviata una pattuglia della Squadra Mobile, che ha individuato la giovane, una 26enne straniera, da tempo residente a Sondrio. Chiaramente in stato confusionale, la giovane donna è stata accompagnata dai militari al nosocomio del capoluogo. Due operazioni della polizia di prossimità: in entrambi i casi persone non lucidissime che stan chiaramente vivendo situazioni di disagio.
  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
5 + 3 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top