No al gioco d'azzardo. L'impegno del consigliere Pedrazzi in Regione .

Che Valtellina e Valchiavenna, in molti campi, non siamo più delle isole felici è ormai storia. Purtroppo in questi anni la provincia si è fatta strada anche in alcune classifiche negative. Fra queste il "gioco d’azzardo'' e le "ludopatie".

I numeri sono impietosi: nell’ultima rilevazione del 2017/2018 la Valtellina era sesta a livello nazionale come spesa pro capite per il gioco d’azzardo.

Da qui le necessità, anche da parte di Regione Lombardia, di intervenire.

Il gioco d’azzardo patologico è una malattia riconosciuta da 30 anni tanto che il servizio sanitario nazionale garantisce la gratuità delle cure.

Se in Italia nel 2007 sono stati 42 i miliardi di euro di giocati, nel 2018 siamo arrivati a 106 miliardi ed il trend è sempre in aumento. E paradossalmente la crisi economica al posto che frenare il fenomeno sembra incentivarlo.

Gap (gioco d’azzardo patologico) così è definito dai medici. Dopo l'emergenza sanitaria dovuta al Covid, che ha messo per alcuni mesi nel dimenticatoio gli altri problemi, dovremo tornare ad accendere l'attenzione anche sui temi che oggi ci sembrano secondari.    

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top