Lego a Piateda, capolavoro che fa del bene

Talmente bella da essere esportata in altri comuni. Dopo l’esordio trionfale degli anni scorsi a Montagna e pubblico entusiasta, la mostra che vede protagonista il mattoncino colorato più famoso al mondo approda quest’anno a Piateda. Nato nel 1958, brevettato da una azienda danese, l’icona incontrastata dei giocattoli non passa mai di moda ed ha saputo stupire anche nei giorni scorsi nella rassegna svoltasi nella palestra comunale che ha visto appunto nel Lego l’unico mezzo espressivo. Ad ideare l’iniziativa delle svariate mostre l’associazione ValtBricks, attivo gruppo di adulti appassionati di Lego. Una associazione nata per far divertire i bambini, l’unica in Italia che li fa esporre, fondata e coordinata da Lorenzo Battaglieri. A promuovere l’evento a Piateda il comune e la biblioteca in sinergia con Valt Bricks.
E anche l’evento di Piateda ha avuto risvolto solidale. Sono stati raccolti fondi per acquistare dei mattoncini duplo da donare come materiale didattico alla locale scuola dell’infanzia. La singolare rassegna è stata presa d’assalto da bambini entusiasti e anche da adulti perché il Lego è passione che non conosce età ed esercita senza tempo il suo fascino indiscusso.
Imponenti manieri, trenini in viaggio lungo i binari della fantasia, moto equipaggiate, robot pronti a dar battaglia nella galassia, veri e propri cantieri con tanto di gru, camion in miniatura, scavatori, costruzioni articolate e originali capaci di stupire il numeroso pubblico.
Per i più piccoli non è mancata un’area gioco per esprimere la propria creatività e stringere fra le mani i colorati pezzetti.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top