A Sondrio l’assemblea per il nuovo contratto nazionale del credito.

Nel primo pomeriggio di oggi a Sondrio, presso la struttura dell’Auditorium del Policampus, assemblea sindacale concernente l’approvazione dell’ipotesi di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del credito.

L’accordo, siglato il 19 dicembre scorso, viene salutato dai rappresentanti sindacali, come uno dei migliori accordi degli ultimi quindici anni, e punta sulla valorizzazione di aspetti di rilievo sociale, come ad esempio, aspettativa e permessi per malattia, di conciliazione vita/lavoro nonché in tema di “tutele”, ad esempio, procedimenti disciplinari, politiche commerciali, livello retributivo di inserimento professionale e formazione, oltre a salute e sicurezza. 

L’accordo riconosce un incremento medio a regime di 190 euro da corrispondersi in tre tranches con decorrenza rispettivamente 1° gennaio 2020, 1° gennaio 2021 e 1° dicembre 2022.
La semplificazione degli inquadramenti e la previsione di altri elementi di flessibilità per cogliere al meglio i mutamenti negli assetti operativi, organizzativi e produttivi delle banche.
L’incontro, in una città nella quale gli istituti di credito rappresentano un forte radicamento nell’identità del territorio, quello della provincia di Sondrio, ed in un periodo nel quale l’andamento della borsa giustifica un’attenzione ulteriore anche alla luce dell’offerta del gruppo Intesa su UBI.
Un accordo che va in direzione dei lavoratori durante un momento storico del mercato in profondo cambiamento.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top