Treni. Che sia la volta buona?

“Abbiamo deciso con Trenord di far partire tavoli ad hoc sulle linee più critiche. Svolgeremo tempestivamente incontri con i comitati dei pendolari delle linee più in sofferenza. Materiali vetusti e binari unici, insieme a passaggi a livello, stanno incidendo sulle performance delle linee Milano-Sondrio Tirano”.

Il comunicato ufficiale a firma Claudia Maria Terzi, assessore regionale ai trasporti e mobilità, pubblicato in data 17 ottobre ad epilogo della commissione Territorio e Infrastrutture, tenuto con l’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri, suona come una finale, e attesa, presa di coscienza, un riconoscimento di problematiche che sono reali, concrete, quotidiane. Chiedetelo ai pendolari.

“Era ora!”, verrà da dire a molti. Ci uniamo al coro, parlandone con Giorgio Nana, segretario generale dei trasporti di CGIL Sondrio.

Di contro ad una tendenza, quella della nostra provincia, che non va oltre ad uno scarso 70% di puntualità ferroviaria, nel resto della Lombardia vi è una realtà in netta ripresa, con soppressioni ridotte del 75% e una puntualità che passa dal 75% dello scorso autunno all’attuale 82%.

E così, se da una parte assistiamo ad un miglioramento di efficienza, come nel caso delle rotte Milano-Bergamo via Treviglio o della Brescia-Cremona, con percentuali di puntualità che toccano gli ottantasette punti, a noi non rimane che stare a guardare, memori di un’altra estate di passione, durante la quale troppe volte i binari di Valtellina e Valchiavenna sono stati attraversati da convogli, alcuni dei quali vecchi di quarantacinque anni.

La speranza, è dunque che i prossimi incontri fra Trenord, Regione e comitati dei pendolari, possano rivelarsi risolutivi per la messa in atto di un piano efficiente, che ha già previsto l’acquisto di 176 nuovi treni per la flotta di Trenord e l’investimento di un totale di 660 milioni di euro per il riammodernamento delle linee ferroviarie.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top