Bormio granata presenta il Torino.

“La bellezza di questi luoghi trasmette tranquillità e permette ai giocatori di lavorare bene, anche in un clima atmosferico perfetto”. Lo ha detto Urbano Cairo, presidente del Torino Football Club in ritiro a Bormio per il settimo anno, nel suo blitz a sorpresa sul campo di calcio della Magnifica Terra, non riuscendo a partecipare alla grande festa di presentazione della ‘sua’ squadra, di scena ieri, in piazza Kuerc, sotto una pioggia battente, granata anch’essa per il riverbero di oggetti e maglie indossati dai tanti tifosi presenti.

Forte l’emozione per i tanti baby calciatori della Bormiese cui non sarà sembrato vero fare da mascotte ai propri idoli.

Una festa che è conferma un amore reciproco tra Bormio e Toro. Alberto Barile, direttore operativo, ha garantito: “La crisi del settimo anno é stata ampliamente superata”. Il sindaco Roberto Volpato, ha espresso sentimenti di apprezzamento insieme all’Unione Sportiva Bormiese “a tutti coloro che, indossando maglie granata, hanno dato vita al paese in questi giorni fortunati”. Prove generali di accoglienza in vista delle Olimpiadi 2026, sono quelle di cui si ha parlato il presidente di Bormio Marketing Stefano Clementi. Pierluigi Spechenhauser, presidente Usb va a ruota libera: “Abbiamo conosciuto la serietà della società”.

Dopo lo scambio dei doni, sotto il gazebo al riparo dalla pioggia, i protagonisti di questo momento sportivo di colore e calore, che ricambia la lunga attesa durata 10 giorni. Applausi per Emiliano Moretti, che a maggio ha giocato la sua ultima partita, allo staff dirigenziale del team manager Giuseppe Santoro, al direttore sportivo Massimo Bava, e naturalmente al Mister’ Walter Mazzarri.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 18 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top