Turismo, la Valmalenco sposa il “green”

Un’azione per ridurre in modo drastico la plastica monouso, a forte impatto sull’ambiente. Il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco, in collaborazione con l’agenzia belga Alpina Tour e con la Fab, Funivie al Bernina, ha introdotto una strategia sul territorio che prevede la sostituzione del bicchiere in plastica usa e getta con uno riciclabile e riutilizzabile. 6800 studenti belgi, tra i 9 e i 12 anni, inaugureranno l’iniziativa. Da sabato scorso fino ad aprile sono ospitati nelle strutture ricettive di Chiesa in Valmalenco, Caspoggio e Lanzada per trascorrere la loro settimana bianca. Una collaborazione tra il Consorzio e l’agenzia belga, instaurata da anni, con 500/600 bambini a turno portati nelle località turistiche malenche.
Essere più ecologici e valorizzare l’intero territorio le finalità della strategia, che non vuole concentrare l’attenzione solo sulla Valmalenco, ma interessare anche il capoluogo, le Orobie, i terrazzamenti sulle Retiche, il fondovalle, l’Adda. Un’azione da introdurre anche nelle scuole locali.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
7 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top