Recapito postale in Valchiavenna: Prefetto e sindaci uniti

E’ partito da Chiavenna il tour ricognitivo di Salvatore Pasquariello, Prefetto di Sondrio, deciso ad entrare in contatto diretto con i problemi che interessano i territori di tutte e cinque le Comunità Montane della Provincia e confrontarsi con i loro presidenti e sindaci.
Ieri pomeriggio, primo passaggio presso l’ente montano della città del Mera dove l’attenzione si è concentrata sul problema clou: gli effetti deleteri del mancato o tardivo recapito della posta ordinaria.
Presenti Sergio Tesei, responsabile del recapito della provincia di Sondrio, e Matteo Magnaghi, responsabile comunicazione relazioni esterne di Poste Italiane, si è entrati subito nel vivo della tematica portando esempi concreti di disagi intervenuti, ultimo, in ordine di tempo, il taglio della corrente alla 94enne di Novate Mezzola cui non erano giunte le ultime due bollette della luce. Il continuo turn over di postini, certamente, non fa bene al servizio, anche se da Poste Italiane è giunta la rassicurazione circa la stabilizzazione di parecchi portalettere prima a tempo determinato. Ciò che dovrebbe comportare un miglioramento deciso del servizio di recapito. Anceh se resta la necessità di un confronto constante e di un pressing su Poste Italiane in quanto i problemi, allo stato attuale, restano ancora gravi.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 12 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top