Milano-Cortina 2026: ecco la legge Olimpica.

 "Eppur si muove'' diceva Galileo Galilei e così, con i tempi e i modi dell'italiaca burocrazia, è arrivato l'atteso semaforo verde dal consiglio dei ministri che ieri, in tarda serata, ha approvato la "legge olimpica'' per le Olimpiadi 2026 di Milano-Cortina-Valtellina. Un grosso passo avanti è stato quindi compiuto verso la definizione dell'apparato organizzativo dei Giochi e delle Atp Finals di Torino. Fra i passaggi importanti la creazione di "Infrastrutture Milano-Cortina'', stazione appaltante delle (si spera tante) opere previste anche in Valtellina.

Dopo diversi rinvii il consiglio dei ministri ha approvato il decreto sulle due manifestazioni. Il testo è il frutto di un lavoro delicato e complesso, coordinato dal ministro per le Politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora. Numerose, naturalmente, le istituzioni coinvolte a iniziare da Regione Lombardia e Coni.

Secondo il presidente del Coni Giovanni Malagò: "L’approvazione della legge olimpica è un altro grande successo del Paese nel segno del gioco di squadra e nel nome dello sport".

Non sono previsti nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, ma la complessa macchina organizzativa può così accendere i motori o, se preferite, preparare gli sci.

   

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
12 + 7 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top