I sindaci della Valchiavenna dicono no all'ospedale unico

Totale contrarietà alla proposta avanzata ad ottobre dalla Cisl di Sondrio di chiudere le sale operatorio di Sondalo e di Chiavenna arriva dai sindaci della Valchiavenna.
“Ci pare – dicono – che avevamo condiviso con gli assessori Gallera e Sertori, un metodo di lavoro. Noi e loro siamo rimasti fedeli a questo percorso. Poi ci sarà il momento in cui la politica regionale deciderà il modo in cui fare sanità sul nostro territorio. E noi ribadiremo, oggi ed allora, la necissità di avere i servizi adeguati presso l’ospedale di Chiavenna. Nessuno faccia fughe in avanti”, concludono.
Annunciato, a breve, un documento in cui verrà ribadita la necessità di mantenere a Chiavenna servizi e reparti irrinunciabili.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
4 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top