Motoraduno dello Spluga. Passione retro.

Una giornata baciata dal sole, panorami mozzafiato a fare da sfondo. E poi, una buona dose di allegria, tanta voglia di stare assieme e di condividere una passione che, decisamente, non sembra voler neanche minimamente tramontare. Meglio così, aggiungiamo noi, perché a questa ultima edizione del Motoraduno Storico dello Spluga, la ventunesima, lo scorso quattro agosto, c’è da scommettere che nessuno dei quasi duecento partecipanti sia rimasto deluso.
Impeccabile l’organizzazione ad opera del Moto Club Valchiavenna, gruppo nato nel 1975, e che è riuscito alla perfezione nel mettere assieme tanti centauri con il pallino delle due ruote d’epoca. A dare il meglio di sé, Moto Guzzi, Ducati, Gilera, Lambrette, e tante tante Vespe tirate a lucido.
E che i numeri siano in aumento, lo si evince dal crescente numero di partecipanti a raduni come quello del Monte Spluga, partito dopo il ritrovo e le iscrizioni di rito da Piazza Castello, a Chiavenna. Tra gli iscritti, anche motociclisti e scooteristi provenienti da Bergamo, Como, Milano, Brianza e dalla vicina Svizzera.
Da Chiavenna, la volta verso Campodolcino con pausa obbligata per un aperitivo e poi su, verso un assolato Passo dello Spluga. Suggestivo il colpo d’occhio sul serpentone composto dai gloriosi bolidi a due ruote.
A Motta di Campodolcino, poi, il meritato pranzo.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top