"Le Chiavi d'Argento" brillano in San Lorenzo

Il Comitato “Le Chiavi d’Argento”, incontri corali Giocondo D’Amato, ha optato per l’innovazione a tutto campo, in occasione dell’edizione numero 38 della rassegna di canto regina della proposta culturale e musicale valchiavennasca, andata in scena sabato sera nella collegiata di San Lorenzo, a Chiavenna. Una location innovativa, per un’acustica perfetta.
Ai piedi dell’altare si sono radunati coristi e orchestrali, diretti dal maestro Massimo Mazza, al vertice della Scuola di Musica Guarnieri di Casatenovo, lì rappresentata dalla sua orchestra e dal suo coro. Affiancati dalla corale “Antonio Lamotta” di Morbegno, diretta dal maestro Davide Mainetti, con accompagnamento del soprano, Emma Caccia, e del mezzosoprano, Marta Fumagalli.
Tutti, lì, a dare il meglio, come hanno saputo fare, nell’esecuzione di un “Requiem”, per soli, coro e orchestra, molto particolare, composto nel 2014 da Kim Andrè Arnesen, norvegese, e proposto in prima esecuzione italiana nel 2016. Un capolavoro pop, perché innestato nel solco della popular music anglosassone, con tracce di poesia americana, quella di Emily Dickinson, e di liturgia ebraica.
Cento gli artisti convenuti, 80 coristi e 20 orchestrali, oltre ai solisti, per un’esecuzione non facile, ma perfettamente riuscita. Estasiato il folto pubblico presente, fra cui le autorità cittadine, sindaco, Luca Della Bitta, in primis, e raggiante Sergio Salini, presidente dell’Unione corale provinciale Usci. Al termine dell’applaudita esibizione, la consegna delle “Chiavi d’argento” ai fautori di tanta bellezza artistica.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
7 + 7 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top