Villa di Chiavenna, frana sopra l’abitato

Sei abitazioni evacuate in zona Case Foratti, per un totale di otto famiglie coinvolte, venti persone che hanno trovato ricovero presso parenti e amici. A destare preoccupazione è la frana storica di Villa di Chiavenna, quella di Calestro, alla sinistra della Val Zernone, che, dalle 5 di stamattina, sta scaricando massi da quota 1200 metri circa, su un fronte di circa 500 metri.

Tutti con naso all’insù, questa mattina, a Villa, i residenti e i villeggianti, abituati a fare i conti con la fragilità del Calestro, ma piuttosto preoccupati.

Una frana che non intende desistere. Tant’è che, dopo i ripetuti distacchi mattutini, attentamente monitorati dai tecnici comunali e della Comunità Montana Valchiavenna, dai vigili del fuoco di Mese, e dal geologo Andrea Tedoldi, consulente dell’ente comprensoriale, si è rimessa in moto con una potente scarica di detriti avvenuta intorno alle 12.30. Quella che ha indotto tecnici ed amministratori ad alzare il livello di guardia e ad evacuare, a titolo altamente precauzionale, precisa il sindaco, le case che si trovano proprio sotto il versante. Anche perché, nel tardo pomeriggio-sera, è attesa una perturbazione analoga a quella che ha rovinato i sonni di parecchi valchiavennaschi la notte scorsa.

Sotto accusa sia i cambiamenti climatici in atto, con la concentrazione di fenomeni temporaleschi fortissimi in pochi minuti e in zone delimitate, sia l’inadeguata manutenzione dei boschi cui cerca di porre rimedio la Comunità Montana assicurando interventi preventivi e in emergenza a protezione del territorio.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
8 + 10 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top