Pusher comasco arrestato dai Carabinieri

Coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. E’ l’accusa mossa nei confronti di un 28enne, disoccupato, di Alserio, in provincia di Como, L.I. le sue iniziali, già noto alle forze dell’ordine, e che, nella mattinata di giovedì scorso, ha ricevuto la visita in casa dei Carabineri della sezione operativa della Compagnia di Sondrio, guidata dal capitano Serena Federica Galvagno.
Militari che sono giunti sulle sue tracce dopo aver intercettato, a Chiuro, pochi giorni prima, un cuoco e due camerieri comaschi, ma in servizio in Alta Valtellina, con una bustina contenente 50 grammi di marijuana. Non è stato difficile, quindi, successivamente, ai Carabinieri capire da dove provenisse la droga, di cui la perquisizione in casa del 28enne di Alserio, nella quale sono stati rinvenuti 250 grammi di marijuana, già suddivisa in confezioni pronte per essere smerciate, un bilancino di precisione e 675 euro in contanti, probabile provento di spaccio.
Ma non è tutto, perché nella camera da letto del giovane è stata trovata anche una bustina con 25 grammi circa di funghetti essicati, oltre a un contenitore contenente una coltura di funghi e un’altra confezione di coltura nel frigorifero. Si tratta di prodotti allucinogeni potenzialmente molto pericolosi per gli effetti distacco dalla realtà che sono in grado di provocare. Colture che vengono vendute con l’indicazione “ceppo per psiconauti esperti e desiderosi di allucinazioni visive. Provoca viaggi filosofici con potenti effetti allucinogeni”, giusto per capire la portata di simili pozione.
Il 28enne arrestato, è stato associato alle carceri di Como.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
8 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top