Il dopo scuola passa anche dai Salesiani

Sinergia fra più attori per aiutare gli studenti con maggiori difficoltà nell’apprendimento. È questo il fondamento del progetto “Extra scuola”, per l’anno scolastico 2019/2020, realizzato e gestito dall’Istituto Salesiano di Sondrio. Si tratta di offrire assistenza continuativa e personalizzata, al di fuori della scuola, a chi ha bisogno, uno spazio per stare insieme ed essere accompagnati nello studio e nello svolgimento dei compiti, ma anche un’occasione di crescita e un momento per creare buone relazioni. Il servizio, rivolto a ragazzi e ragazze dalla prima alla terza media, sarà disponibile da ottobre a maggio, per tre giorni a settimana, dalle 14,30 alle 16,30.
Arrivano da diverse realtà i volontari che si mettono in gioco e offrono il loro aiuto: ragazzi della scuola superiore, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, laureati in cerca di lavoro, insegnanti in pensione, casalinghe, mamme. Un progetto che si basa su una rete molto importante: i Salesiani, l’Ufficio Scolastico Territoriale, il Comune, la Fondazione Pro Valtellina, la Fondazione Clerici di Milano, la Parrocchia Santi Gervasio e Protasio, la PGS San Rocco, il reparto di neuropsichiatria infantile dell’ospedale di Sondrio.
Le attività, coordinate da Don Luca Castelli e Elisa Compagnoni, si svolgeranno presso l’Istituto Pio XII di Sondrio.
Un ruolo fondamentale in questa iniziativa spetta a Fondazione Pro Valtellina, che offre un contributo di 15mila euro.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top