Santa Caterina. “Vogliamo sgravi fiscali”.

La voce degli operatori di Santa Caterina Valfurva si fa sentire forte e chiara: non solo immediati interventi strutturali sulla frana del Ruinon ma sgravi fiscali per tutta la durata dei lavori. Un provvedimento legislativo ad hoc dice per tutti l’albergatore Gianluca Cossi. Sensori sulla frana, come gli indici azionari Dow Jones, della Borsa di New York, fanno il bello e il cattivo tempo per l’economia.

Intolleranza zero rispetto a una strada, la Provinciale 29, chiusa dal 22 giugno al transito, che viene interrotto, in presenza di forti temporali, anche nelle due finestre giornaliere previste.

Negozianti e albergatori potenziano la loro proverbiale accoglienza per quei pochi turisti (IMMAGINI DEL CORTEO DEI SCOUT) che rispecchiando l’indole slow della cittadina, facendo di necessità virtù.

Gravi infatti i disagi, per una comunità priva di servizi essenziali: distributore di carburante, meccanico, banca, servizio postale, farmacia, aperta solo due ore al giorno e dal lunedì al venerdì.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
5 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top