La pizzeria che dice no ai bimbi maleducati

“I bambini lasciati incustoditi a correre in giro per il locale, che urlano, o in piedi su panche e sedie, disturbano i clienti. Pertanto ci riserviamo il diritto di prenderli in cucina a lavare i piatti con tanto di nastro adesivo sulla bocca”.
E’ il provocatorio messaggio affisso circa un mese fa sulla porta d’ingresso dell’esercizio pubblico “Bagà, la pizza digeribile” di Villa di Tirano, di cui è titolare Gabriele Berbenni, 24 anni appena, e in testa un’idea precisa: aprire una pizzeria di nicchia, di fascia medio alta, dove la pizza, realizzata con lievito madre, impasto integrale, materie prime di alta qualità, capace di costare il doppio di quelle normali, fosse un’esperienza da gustare in assoluta tranquillità.
Nessuna colpevolizzazione dei piccoli, però, tiene a precisare Berbenni, semmai dei loro genitori rei di non essere in grado di gestirli in ambienti pubblici. Un problema cui Berbenni avrebbe voluto ovviare in modo alternativo, e anche originale, come suggerisce, se ne avesse avuto la possibilità. "Sarebbe stato interessante introdurre una baby sitter cui affidare i bimbi sistemati in un'area apposita del locale - dice -, ma la nostra pizzeria non consente una soluzione di questo tipo".
Di qui l'invito, tranchant, a lasciare a casa i piccoli per evitare che disturbino i clienti o che possano anche costituire pericolo per se stessi e per il personale di servizio.
Nella consapevolezza che, il duro messaggio lanciato, ha scatenato, sì, la solidarietà di tanti colleghi, ma anche un discreto mancato incasso dato che non sono poche le famiglie che, di fronte al messaggio affisso, fanno dietrofront.
Una scelta forte destinata, comunque, a far discutere e ad aprire un dibattito sull’educazione dei piccoli.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
9 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top