Venerdì bianco, la neve domina

Il risveglio è stato all’insegna del bianco, nelle località di alta quota di Valtellina e Valchiavenna. Dalle 19 di ieri sera fino alle prime ore del mattino, la neve l’ha fatta da padrona a Livigno, dove si contano dai 35 ai 40 centimetri in paese. Pulite, tuttavia, le strade del centro, anche perché la temperatura si mantiene piuttosto alta, mentre difficoltà si registrano, da ieri, sul passo della Forcola, temporaneamente chiuso al traffico.
“Domattina – spiega Cristoforo Domiziano Franzini, comandante della Polizia Locale di Livigno – abbiamo programmato la bonifica dei versanti del Passo col l’utilizzo dell’elicottero Elitellina dotato di daisy bell, la cosidetta campana che provoca la caduta delle masse nevose instabili così da prevenire ulteriori rischi valanga. Dopodichè, intorno a mezzogiorno, confidiamo di poter riaprire il tracciato”. Difficoltà si registrano anche sul Foscagno, nel tratto di Arnoga di Valdidentro dove si raccomanda prudenza ai viaggiatori.
Neve anche a Bormio, Valdisotto, Valfurva, pur se contenuta in pochi centrimetri nei paesi. Più copiosa in quota, dove già si sta lavorando sugli impianti di risalita. A Valfurva l’obiettivo apertura si è leggermente spostato in avanti, dal 16 al 23 novembre, ma dovrebbe, comunque, confermarsi la prima località ad aprire la stagione dello sci in tutta la provincia. Bormio punta al 30 novembre, così come Aprica. Anche qui, 5 cm di neve in paese, ma fino a 50 a quota 2000. Ciò che fa ben sperare per la stagione invernale. 35 cm di coltre bianca anche a quota 1900 in Val Gerola, e neve anche alle quote più alte della Valmalenco, anche se, su entrambi i versanti l’obiettivo apertura impianti resta l’8 dicembre. Infine, non è da meno la Vallespluga dove i fiocchi hanno raggiunto anche Campodolcino. Ma decisamente più innevata si presenta Madesimo, con 30 cm in paese, 40 a Motta Alta, (a 1760 metri) e 80 sul Groppera. Da mercoledì è iniziato l’innevamento artificiale in zona Larici-Vanoni e l’obiettivo è di partire con lo sci dal 30 novembre, salvo si presentino, cammin facendo, le condizioni per anticipare al 23.
Chiusi, oltre alla Forcola, i passi Stelvio, Gavia, Mortirolo, San Marco, Umbrail, Oberalp, mentre nevica su Maloja, Julia, Spluga, Forno, Tonale, Bernina.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top