Spaccio nell’alto lago. Un arresto a Garzeno

  Un’attività di indagine intrapresa l’estate scorsa e che ha messo in luce un traffico già in atto dal 2015, per un giro d’affari quantificato in più di venticinquemila euro. Ieri sera il blitz, avvenuto a Garzeno presso l’abitazione di un trentanovenne originario del posto, M.E. le sue iniziali, e condotto dai Carabinieri della Compagnia di Menaggio, sotto il comando del Maggiore Filippo Bentivogli.L’accusa, per l’uomo, è quella di spaccio di stupefacenti: hashish, marijuana ma anche cocaina.L’arresto della scorsa serata si colloca nell’ambito di un’operazione più vasta e, come già detto, con una gestazione lunga quattro anni. Articolato il lavoro degli uomini dell’Arma, e che ha di fatto coperto una vasta area servita dal pusher, lungo il territorio dell’“alto lago”: un meccanismo già rodato, in particolare, nei paesi di confine delle province di Como, Sondrio e Lecco.A coordinare le indagini, il Sostituto Procuratore Dottoressa Maria Vittoria Isella. Un’operazione condotta di concerto con la Stazione Carabinieri di Dongo: sono stati loro a comprovare l’attività di illeciti già in atto dal 2015.Nell’appartamento dell’uomo, ora agli arresti domiciliari presso la propria abitazione dopo l’emissione di un ordine di custodia cautelare, sono stati rinvenuti un bilancino di precisione e due grammi di hashish.Le indagini continuano e non si escludono nuovi risvolti legati alle operazioni di contrasto allo spaccio di stupefacenti portate avanti dagli uomini dell’Arma.  
  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top