Tragedia sfiorata: ultraleggero appeso a un cavo

Ha dell’incredibile quanto accaduto ieri, intorno a mezzogiorno, a Prato Valentino di Teglio. Un ultraleggero, Tecnam P 92 decollato da Caiolo, dove era in corso la Festa dell’Aria, con destinazione le Saline dell’alta quota tellina, ha terminato la sua corsa a mezz’aria, aggrappato, a testa in giù, col muso, alla cune portacavo dell’impianto di risalita di Prato Valentino. Come vi sia finito, in quella posizione, non è dato precisamente sapere. Per quanto potuto apprendere, le intenzioni del pilota, Claudio Costa, 63 anni, nativo di Genova, appartenente alla dinastia degli armatori Costa, ma residente a Varese, erano quelle di raggiungere la propria villa di famiglia alle Saline di Prato Valentino. Non era la prima volta che vi arrivava con l’ultraleggero, e così ha voluto fare anche ieri, in compagnia dell’amico Sergio Plebani, 62 anni, sempre della provincia di Varese. Pranzo alla Baita del Sole, giro in villa e, poi, il rientro a Caiolo e a casa. Ma l’imprevisto era dietro l’angolo. Nei pressi delle Saline, il velivolo deve essere arrivato un po’ troppo lanciato in velocità, di qui la decisione del pilota di virare e tentare un secondo avvicinamento più consono. Salvo non riuscire a riprendere quota repentinamente e, a quel punto, l’inevitabile agganciamento e capottamento sulle due funi portanti dell’impianto di risalita, da poco rinnovato.
“Son frazioni di secondo – precisa Adriano Oppiatti, gestore degli impianti – in cui occorre decidere il da farsi e, purtroppo, ieri qualcosa è andato storto”. Senza gravi conseguenze, va detto, per pilota e passeggero. Il primo, si è gettato a terra dal velivolo temendo si incendiasse, compiendo un volo di otto metri (è in osservazione al Morelli di Sondalo) il secondo si è appollaiato sull’ala dell’ultraleggero da cui è stato fatto scendere, non senza fatica, dal tecnico del soccorso alpino Marco Confortola giunto sul posto con l’elicottero Areu. Un recupero complesso e, tuttavia, ottimamente riuscito. Sotto sequestro il mezzo che, entro domani, dovrebbe essere recuperato dall’impiantista per restare, poi, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sul posto anche i Vigili del Fuoco di Sondrio e Tirano, il Sagf della Guardia di Finanza, e i Carabinieri di Teglio.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
11 + 6 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top