Beer’n gir. Birra e cultura.

Piazza Garibaldi trasformata in un beer garten che nulla avrà da invidiare ai blasonati giardini della Baviera, dedicati agli amanti dei luppoli: non una festa della birra, ma un Beer Fest all’insegna della cultura del bere, quello presentato a Sondrio durante la mattinata di oggi.

Dieci birrifici, tutti rigorosamente della provincia, per 50 spine destinate, ne siamo certi, a soddisfare i palati, anche quelli più esigenti, dei cultori di questa bevanda che, tra Valtellina e Valchiavenna, sta segnando la propria strada. E’ la birra artigianale la vera protagonista di Beer’n Gir, edizione numero uno, in piazza, è il caso di dirlo, il 17, il 18 ed il 19 maggio prossimi.

La manifestazione, organizzata da Pro Loco di Sondrio e Beer Tellina, già ideatrice di Beer Ben e che raccoglie i birrifici artigianali del territorio, nata in collaborazione con Associazione B.Love, UnionBirrai, Il Montanaro Imbruttito e Chiamarsi Boiler, a guardare il fitto programma degli eventi promette davvero bene. Chiaro l’intento: un evento che sia quanto più poliedrico e che offra spazio, oltre a quello doveroso dedicato alle birre artigianali, a prodotti e cucina del territorio, grazie a proposte culinarie diversificate durante i tre giorni della manifestazione e a scelte musicali di ampio respiro.

Una agenda fitta di appuntamenti quella del Beer’n Gir: venerdì sera, partenza con una cena gourmet curata da Michele Bordoni, chef presso l’Hotel della Posta, a reinterpretare piatti con ingredienti rigorosamente territoriali ed abbinati a quattro birre valtellinesi. Presente alla cena anche un beer taster di Union Birrai, Oliviero Ghiberti, che parlerà di abbinamenti tra, indovinate, birra e cibo.

In piazza Garibaldi, dove da oggi è iniziato il restyling in verde, verranno allestite due tensostrutture dove troveranno spazio le aree ristorazione, una gourmet e l’altra dedicata ai menù fast food nei quali faranno bella mostra di sé pizzoccheri (la preparazione dei quali sarà affidata all’Accademia del Pizzocchero di Teglio), stinco, polenta e salsicce.

Una kermesse pienamente coerente con il rispetto verso l’ambiente e durante la quale non circoleranno stoviglie in plastica: ogni partecipante avrà infatti a propria disposizione un bicchiere serigrafato in vetro ed utilizzerà posate e bicchieri in materiali biodegradabili.

Da segnalare, inoltre, il non utilizzo di denaro in contante: a circolare saranno solamente gettoni.

Ampia la scelta dedicata all’intrattenimento musicale lungo i tre giorni di programmazione, ingrediente fondamentale di questo evento oramai alle porte.

Ad assicurare il divertimento, poi, le animazioni curate da Il Montanaro Imbruttito e Chiamarsi Boiler.

Il prato verde di Piazza Garibaldi aspetta l’appuntamento di metà maggio.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
4 + 9 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top