Presentato il bilancio Creval 2018: la banca è più solida

Sono stati presentati oggi, in conference call, da Milano, i risultati consolidati al 31 dicembre 2018 di Creval. A riferirli Mauro Selvetti, amministratore delegato del gruppo bancario, che ha parlato di una solidità patrimoniale ulteriormente rafforzata nel 4° trimestre, un rafforzamento che ha permesso di realizzare importanti operazioni di cessione di crediti deteriorati per un valore di oltre 2 miliardi di euro. Riduzione accompagnata da un rafforzamento dei livelli di copertura saliti al 56% circa contro il 45% di fine 2017. Con una punta positiva di copertura dei crediti, cosidetti, in sofferenza pari al 75% contro il 62% dell’anno precedente.
Buone performance anche sul piano del contenimento dei costi che ha permesso alla banca di guadagnare punti in termini di efficienza operativa. Rispetto alla razionalizzazione della struttura organizzativa è stato concluso un accordo con le organizzazioni sindacali per l’adesione volontaria al piano di esodi anticipati che ha visto l’accoglimento di richieste per 219 persone, su un obiettivo previsto di 170, uscite dalla banca con decorrenza 1° luglio 2018. Per cui, a fine anno, il totale delle risorse umane impiegate si attesta sulle 3668 unità.
Ottimizzata, così è scritto nel comunicato stampa di Creval, anche la rete commerciale con la chiusura di ulteriori 50 filiali parallela ad un rafforzamento delle filiali Bancaperta, pari a 21, in crescita di 13 unità sul 2017. In totale, quindi, le filiali Creval sono, oggi, 365.
Rispetto alla raccolta diretta presso i risparmiatori, pure, il dato è in crescita dell’1,6% con un totale di 19,9 miliardi di euro, di cui 14,2 formati da conti correnti e depositi a scadenza.
La raccolta indiretta, invece, è il lieve calo, pari a 10,1 miliardi di euro contro gli 11,3 del 2017, dato su cui incide negativamente l’andamento negativo dei mercati nel 2018.
In calo i titoli di debito governativi, pari a 6,3 miliardi di euro contro i 6,8 al 30 settembre 2018. Robusta, ancora la posizione di liquidità a 3 mesi che, a inizio gennaio scorso era pari a 5,9 miliardi di euro.
Infine, il patrimonio netto del Gruppo Creval a fine 2018 si attestava su 1566 milioni di euro contro i 1442 dell’anno precedente e l’utile netto pari a 32 milioni di euro.
Entro il primo semestre 2019, ha annunciato Selvetti, verrà elaborato e presentato un nuovo piano industriale triennale che verrà prontamente comunicato.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
9 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top