Via Nani, il sottopasso è realtà

E’ con consueto pragmatismo che il sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini, affiancato da Andrea Massera, assessore ai Lavori Pubblici, da Carlo Erba, direttore dei lavori, e dai responsabili della ditta esecutrice dell’intervento ha consegnato alla cittadinanza un’opera particolarmente attesa come il sottopasso di via Nani, in città, ultimo attraversamento ferroviario che ancora resisteva nel centro cittadino e che è stato definitivamente smantellato a beneficio della sicurezza di automobilisti, ciclisti e pedoni. Sabato mattina il taglio del nastro, in sobrietà.
Di un intervento non di poco conto si è trattato, nato da un protocollo d’intesa siglato nel 2011 tra Comune di Sondrio, Provincia e Rete Ferroviaria Italiana, progettato, nel 2016, proprio dallo studio di ingegneria dell’attuale sindaco Scaramellini, quando, ancora, è scritto in una nota stampa, non pensava di poter diventare primo cittadino del capoluogo.
Intervento che ha richiesto un esborso complessivo di 1 milione e 400mila euro, di cui 810mila nell’ambito dell’Accordo quadro per lo sviluppo territoriale per lavori, 215mila garantiti da Regione Lombardia, 250mila da Rete Ferroviaria Italiana, cui se ne sono dovuti aggiungere altri 125mila, messi a disposizione dal Comune, causa la variante in corso d’opera che ha dovuto essere prevista alla fine dell’anno scorso per incovenienti strutturali sopravvenuti che hanno obbligato, anche, ad un allungamento dei tempi di realizzazione.
Punto di partenza, però, non di arrivo degli interventi che l’amministrazione attuale ha in programma per Sondrio.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
1 + 6 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top