Software liberi e gratuiti nella scuola

“Cittadinanza digitale e software libero nella scuola” il tema della mattinata di approfondimento andata in scena recentemente al Policampus di Sondrio, aperta a tutti, anche sei i primi ad aderire sono stati gli studenti dell’istituto tecnico De Simoni-Quadrio, organizzatore dell’evento.
Rendere consapevoli gli studenti della possibilità di utilizzare software liberi, in alternativa a pacchetti proposti dal mercato, talvolta costosi, e che vengono, spesso, recepiti come gli unici strumenti esistenti. In realtà non è così ed a testimoniarlo è l’attività di divulgazione dell’etica open in ambito scolastico condotta da Libre Italia Onlus. I cui referenti sono stati invitati a relazionare ai ragazzi le novità open source esistenti su invito dell’istituto, guidato da Gianmaria Toffi, e dal professor Rocco Camera, convinto assertore della bontà di questi strumenti alternativi.
Tanto più che sono strumenti perfettamente aderenti agli standard richiesti, al pari di tutti gli altri software non open. Un approfondimento che ha interessato gli studenti, sempre più digitalizzati, e che si è concluso con una panoramica su Zorin Os, distribuzione Linux innovativa.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
16 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top