SUCCESSO PER DONNE E COLORI AL FOPPOLI

Ancora una volta è l’urlo del colore a dire no alla violenza contro le donne alla tradizionale mostra della Pro Loco tiranese dedicata agli universi femminili nelle sale di Palazzo Foppoli e inaugurata sabato scorso. Racchiuso nel titolo “L’altalena dell’invisibile” tutto il senso di un quotidiano esistere che oscilla tra amore ed oscuro possesso capace di esplodere fra l’indifferenza di molti, ma anche e soprattutto dovere di sensibilizzare sulla tematica per tendere mani ai tanti appelli silenziosi di chi senza voce è paralizzato nell’impotenza. 35 le artiste valtellinesi e svizzere che hanno dato il meglio di sé. Impareggiabili interpreti dell’animo della donna attraverso stili, abilità e sensibilità differenti. Opere di grande impatto emotivo capaci di strappare voce, attraverso l’arte, ai silenzi di chi subisce e tace. Un omaggio intenso e doveroso alle troppe donne uccise da mani maschili incapaci di accarezzare un’anima. A presentare l’evento Rosanna Fiorina.

Ogni artista è riuscita a stupire con lavori capaci di imporre i propri tempi di ascolto davanti alle quali fermarsi a riflettere. Perfettamente in tema la coreografia della ballerina del Centro Danza Arabesque di Gianna Manoni. Anche quest’anno l’associazione progetto Alpha guidata da Massimiliano Greco ha deciso di attribuire il premio “Rosa Genoni” all’artista che ha realizzato l’opera più coerente all’argomento. Una mostra per ricordare il valore della donna e per ricordare all’uomo l’immenso dono di riuscire ad ascoltare un cuore.  

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top