Valdidentro, letti freddi o case calde?

Trasformare i letti freddi in case vive. E’ il tormentone dell’estate in Valdidentro, Comune capofila in alta valle di un progetto ambizioso di ripopolamento, in cui la Proloco, soggetto centrale, farà da tramite tra i proprietari degli appartamenti presenti sul territorio, liberi nelle modalità di azione e nelle decisioni dei prezzi di mercato.
“Case Vive” è l’iniziativa promossa e sostenuta dall’amministrazione comunale che si prefigge di aumentare l’affittanza degli appartamenti e generare un indotto a favore di tutta la località. Ci aveva visto lungo il gruppo LabVenti27, oggi al governo, quando nel 2017 in campagna elettorale, svolse un’analisi dettagliata dello stato di fatto degli immobili, contando un numero complessivo di 3500 seconde case, per gran parte dell’anno chiuse.
Il tema è stato riproposto oggi, alla luce degli incontri con i player nazionali del calibro di Airbnb e dei risultati emersi dal sondaggio on line che l’assessorato al turismo ha rivolto ai possessori di seconde case, residenti, e non, al fine di accertare la condizione dell’appartamento, della affittanza turistica e la volontà di mettersi in rete.
Sala gremita, nella assemblea in cui sono stati annunciati i dati. L'80% degli intervistati, principalmente non residente, é interessato ad affittare il proprio immobile per soggiorni brevi; metà anche stagionalmente, mentre il 60% non ha mai affittato, e, dato più significativo, un terzo non ha usufruito della propria seconda casa nemmeno un giorno negli ultimi cinque anni, rispetto a una 45% che l’ha fatto solo per periodi brevissimi e comunque inferiori ai 30 giorni l'anno.
L’operazione Case Vive raggruppa in un registro, pubblico e consultabile dagli iscritti, quattro categorie: i proprietari di appartamenti, i gestori, gli addetti alle pulizie, i consulenti professionali, che potranno iscriversi gratuitamente.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top