Boato nella notte, paura in Valmasino

Cataeggio di Valmasino, la frazione messa di nuovo in scacco dallo smottamento di 100 metri cubi di materiale scesi, nella notte fra giovedì e venerdì, dal versante dello Scaiun.
La storica frana è tornata a ruggire ed a spaventare i residenti che, al mattino, si sono svegliati con l’amaro in bocca, sindaco compreso, che vive proprio in centro paese, area maggiormente a rischio.
“Non ho sentito niente – ammette Simone Songini – primo cittadino di Valmasino – al pari dei residenti sotto montagna. Ad avvertire, invece, il sordo boato sono stati i concittadini che vivono dall’altra parte del paese, raggiunti dall’eco dello smottamento. Nessuno, però, ha dato eccessivo peso, tant’è che ci siamo accorti dell’accaduto solo al risveglio”.
Nessun danno a persone o cose, salvo il fatto che parte del materiale è rotolato su una pista dei cantiere situata lungo il versante e un masso da 6 metri cubi si è avvicinato molto all’abitato. A preoccupare, però, è la vicinanza, in linea d’aria, delle case e delle scuole alla parte franata, tant’è che venerdì mattina i bimbi della scuola dell’infanzia e della scuola materna non sono andati a scuola, mentre, da oggi, sono stati spostati su altre strutture più sicure, quali l’oratorio di Cataeggio e il vecchio asilo. In tutto 47 alunni che, almeno fino al 6 gennaio, si ipotizza debbano restare fuori dalla loro scuola.
Sfollate anche dodici persone, appartenenti a cinque nuclei famigliari, e residenti in un’area del paese fra le più esposte. Residenti che hanno, temporaneamente, trovato alloggio presso parenti e amici.
Immediata, peraltro, la ricognizione sul corpo frana sia con l’elicottero messo a disposizione dalla Protezione Civile Regionale, sia via terra con squadre di tecnici e geologi predisposte dal Comune.
Anche oggi sono proseguiti i sopralluogi e il monitoraggio è costante. Fino a quando non vi saranno indicazioni precise circa il movimento del corpo frana, resterà in vigore il divieto di accesso alle abitazioni evacuate. Il sindaco Songini assicura che potrà avere un quadro più completo della situazione entro la giornata di domani.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top