Tragedia in riva all’Adda, si cerca un 19enne

E’ scattato alle 18.45 di ieri, l’allarme ricerca persona presso la caserma dei Vigili del Fuoco di Sondrio. Un giovane di appena 19 anni, residente a Colorina con la famiglia, è finito nell’Adda cadendo dal ponte di Berbenno, poco distante dal bar pasticceria, dove ci siamo recati questa mattina per cercare di capire cosa sia accaduto. Nessuno sa spiegare cosa possa aver indotto il ragazzo a finire in acqua, se si sia lanciato col preciso proposito di por fine alla sua esistenza, ultimamente un poco travagliata, o se sia stato mosso da un gesto di stizza, istintivo, conseguente, magari, a un litigio.
Quel che è certo è che su quel ponte, ieri sera, non era solo. Con lui, la ragazza cui era legato da tre mesi, una quindicenne di Sondrio della quale, solo pochi giorni fa, ci eravamo occupati in quanto fuggita di casa e rifugiatasi, proprio, dal fidanzatino a Colorina. A quella fuga, poi rientrata, era seguito un ricovero in ospedale a Sondrio, in Pediatria, e lunedì scorso, le dimissioni e il trasferimento presso l’abitazione del fidanzato, in attesa di partire per la comunità di recupero che avrebbe dovuto raggiungere proprio oggi.
Invece, ieri sera, l’epilogo. Il ragazzo e la ragazza hanno abbandonato la casa di Colorina per dirigersi, parrebbe a piedi, verso l’Adda. Raggiunti, poi, dalla mamma del giovane, che deve averli intercettati sul ponte. Cosa sia accaduto, in pochi attimi, non è dato sapere. Fatto si è che i due ragazzi si sono sporti dal parapetto del ponte ed hanno fatto per lanciarsi di sotto. Il ragazzo è caduto nel fiume, mentre la 15enne è stata a stento trattenuta da alcuni passanti che l’hanno afferrata e trascinata dall’altra parte del parapetto. Salva per miracolo. Poi hanno chiamato i Carabinieri e i soccorritori Areu. Questi ultimi hanno preso in carico la giovane e l’hanno portata in ospedale, a Sondrio, dove è stata sottoposta alle cure del caso. E’ ricoverata in Psichiatria. Assistita anche la mamma del 193nne, in preda al panico. Mentre di suo figlio, nessuna traccia. I vigili del fuoco di Sondrio hanno scandagliato, da subito, fino alle 22.30 di ieri, tutta l’asta dell’Adda fino all’invaso di Ardenno, senza risultato. Le ricerche sono ripartite questa mattina alle 5.30 e sono proseguite per tutto il giorno. Su due gommoni i pompieri hanno setacciato greto e sponde, sperando di ritrovare il corpo, ma senza esito. Le ricerche, certo, proseguiranno.
Del caso si stanno occupando i Carabinieri di Sondrio, al comando di Serena Federica Galvagno, che stanno ricostruendo i concitati attimi in cui si è svolto il tutto.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
14 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top