La Festa della Repubblica, “vien di corsa”

Festa della Repubblica che ha preso il via, alle 10.30 di ieri, in piazza Campello, a Sondrio, con l’entrata a passo di corsa dei bersaglieri della Fanfara di Morbegno, giunti da via Piazzi.

Momento ad alto impatto scenografico seguito dagli onori al prefetto, Paola Spena, da parte del picchetto armato interforze, presenti Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, e, poi, ancora, fra gli altri, Croce Rossa, Gruppi Alpini, Protezione Civile. Quindi, l’alzabandiera e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, da parte del Prefetto.

Subito dopo è stato Giacomo Sainaghi, dello Scientifico Donegani di Sondrio, a leggere alcuni riflessioni sulla Costituzione italiana, mentre Christian Cabello si è soffermato sul tema della sicurezza, affiancato dai compagni di classe di Daniele Bertolini, il 18enne morto in un tragico incidente stradale. Sempre in argomento, l’intervento di Carla Cattone, vice presidente Mutilati e invalidi civili di Sondrio che ha premiato i vincitori del concorso “La sicurezza è vita” relativo alla campagna di sensibilizzazione “Accendi la testa poi inizia a guidare”. Premi andati allo scientifico Donegani, all’Agrario Piazzi e al De Simoni di Sondrio, unitamente al Balilla Pinchetti di Tirano.
Quindi spazio alla consegna delle tredici onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana andate a Claudio Gala, Roberto Corona, Nadia Bonomi, Valerio Modenesi, Mauro Boccardi, Umberto Colli, Claudio Marcassoli, Fausto Giugni, Vittorio Mainetti, Mario Poletti, Claudio Franchetti, Davide Ravanetti e Graziano Bassi.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
9 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top