L’orgoglio alpino sfila in Valmalenco

Sabato e domenica scorsi, grande parata alpina, prima a Torre di Santa Maria, poi, giornata clou, a Caspoggio, in occasione del 3° raduno sezionale. E’ con il consueto calore che la Valmalenco ha accolto le mille Penne Nere provenienti da ogni angolo della provincia e delle aree limitrofe. 71 i gagliardetti presenti su 75 gruppi alpini provinciali, oltre al vessillo sezionale, e a quelli delle province di Como, Lecco, Milano, Cremona e Piacenza. Al loro fianco non solo le autorità malenche, in primis Danilo Bruseghini, presidente dell’Unione dei Comuni e sindaco di Caspoggio, i colleghi di Chiesa, Renata Petrella, Lanzada, Cristian Nana, e Torre di Santa Maria, Giovanni Gianotti, e i cinque gruppi alpini di valle, ma anche l’intera cittadinanza e i bimbi del posto a sventolare le bandierine italiane.
L'ammassamento domenica mattina in una Caspoggio parata a festa. Altamente scenografico l’allestimento nella centrale via don Gatti: 120 metri di tricolore a connotare tutta l’arteria pedonale, collocato, con tiranti, a cinque metri dal suolo. A celebrare la Santa Messa don Andrea Del Giorgio, in una chiesa di San Rocco gremita all’inverosimile. In prima fila Mario Rumo, consigliere nazionale Ana, e trenta fra sindaci e loro delegati provenienti dall’intera provincia. Lì, ad emozionarsi, di fronte alla preghiera dell’Alpino.
Fra loro Damiano Bormolini, giunto da Livigno per ricevere la stecca, emblema del passaggio di consegne per l’organizzazione del raduno del prossimo anno, fissato al 27 settembre. Obiettivo pienamente raggiunto, intanto, in Valmalenco, perché l’orgoglio alpino, la fratellanza, l’amicizia hanno connotato tutta la giornata, con punte elevate durante la sfilata da San Rocco fino al Centro Sportivo, presente la Fanfara della sezione valtellinese, e apice durante il rancio al palazzetto. 926 le polente con salsiccia e spezzatino servite.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
2 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top