Secam, depuratori a rischio chiusura

I depuratori della Società per l'Ecologia e l'Ambiente di Sondrio a rischio chiusura: e non per un'inefficienza del sistema, tutt'altro.
A scongiurare, a breve, lo stop degli impianti di depurazione Secam sarà una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale, che ha accettato il ricorso presentato a fine 2017 da alcuni comuni delle Province di Pavia e Lodi, contrari alla delibera del Pirellone che stabiliva a 10mila milligrammi per chilo i valori limite delle concentrazioni di idrocarburi nei fanghi destinati all'utilizzo agricolo.
La situazione è alquanto complessa e delicata: se da un lato questa nuova sentenza del Tar -che riduce sensibilmente i valori limite delle sostanze pesanti nei fanghi, da 10mila mg per Kg a 50 mg per Kg - limiterebbe il rischio di contaminazione per le matrici alimentari, dall'altro provocherebbe un maggior inquinamento delle acque: i materiali di scarico, infatti, verrebbero sversati direttamente nei corsi d'acqua e nei laghi.
E non sarebbe questa l'unica contraddizione: se nulla dovesse cambiare, alcuni dei depuratori distribuiti sul territorio saranno costretti a chiudere: la sentenza preclude di fatto a Secam e ad altri gestori della Lombardia la possibilità di conferire i fanghi prodotti dalla depurazione agli impianti di trattamento autorizzati, che fin dai giorni scorsi hanno sospeso i contratti in essere.
Per scongiurare il possibile scenario di una chiusura, Regione Lombardia paventa due soluzioni: la prima, un'emanazione di un decreto del ministero dell'Ambiente che autorizzi lo smaltimento con limiti diversi – soluzione che richiederebbe però tempistiche molto lunghe – in alternativa, la richiesta di autorizzazione allo stoccaggio temporaneo al presidente della Provincia di Sondrio.
L'amministratore delegato della Società per l'ecologia e l'ambiente,
Gildo De Gianni, precisa che “quest'ultimo espediente consentirebbe all'azienda di arginare il problema almeno per un mese”: ma se non verrà emanato un decreto legislativo specifico, la situazione diverrà insostenibile e Secam, come il resto dei gestori lombardi, sarà costretta a fermare i depuratori. 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
4 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top