Contro i femminicidi a colpi di musica.

Quella che soltanto due settimane fa, a Palazzo Pretorio, era stata presentata dagli organizzatori come un’altra tessera da aggiungere al vasto mosaico della prevenzione e della sensibilizzazione contro la violenza di genere, verrà ricordata come un’iniziativa di ampio respiro, culturale e sociale, un evento realmente partecipato dall’intera comunità.

Una giornata di musica, quella dello scorso sabato, distribuita in due momenti ed egregiamente condotta dalla Banda Musicale della Polizia di Stato, diretta dal Maestro Maurizio Billi.

Nella tarda mattinata, l’esibizione-concerto, all’aperto, nella cornice di una piazza Garibaldi gremita di spettatori.

In serata, poi, il secondo degli appuntamenti musicali, con l’orchestra sulla ribalta del Teatro Sociale. Evento trasmesso in diretta televisiva sugli schermi di TSN.

Un’intera giornata, dedicata ad un tema scottante, quello della violenza sulla donna, appunto, che nella nostra nazione non smette, purtroppo, di occupare le pagine di cronaca.

In un paese dove, secondo l’Istat, l’80,5% delle donne uccise è vittima di un conoscente, persona che nel 43,9% dei casi è il partner, attuale o passato, la vera battaglia sociale va combattuta sulla sensibilizzazione, nell’inculcare, cioè, una cultura che sia quella del rispetto.

Una crociata che la Questura di Sondrio porta avanti con decisione grazie ad un impegno quotidiano di prevenzione del crimine, certo, e ad iniziative come quella della scorsa settimana o come la celebrazione annuale della Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne.

Una giornata importante per la città alpina e, durante la quale, nell’ambito dell’iniziativa, il capoluogo ha visto la visita della Console statunitense Elisabeth Lee Martinéz: è stata lei a consegnare alla violinista Sara Dionisia Zeneli il violino Stradivari appartenente ad una collezione americana e risalente al 1734. Lo stesso strumento, ha donato le proprie inconfondibili note ad un estasiato Teatro Sociale da tutto esaurito.

Un repertorio davvero vasto, proveniente da ambiti musicali variegati, quello offerto agli spettatori presenti. Brani di Ennio Morricone, Leonard Bernstein. E poi Salvatore Cardillo, Oscar Navarro, per un caleidoscopio di generi tutti magistralmente rivisitati dall’ensamble, una delle migliori a livello internazionale, e che conta una storia di ben novanta anni alle proprie spalle.

Ad impreziosire l’orchestra, le voci del soprano Federica Balucani e del tenore Aldo Caputo.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
5 + 12 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top