Rafforzati i servizi sanitari in montagna

Con l’inizio della stagione invernale, Regione Lombardia ha approvato oggi in Giunta la proposta arrivata da Giulio Gallera, assessore al Wlefare, di potenziare il servizio di assistenza sanitaria ai turisti attraverso il l’aumento sia della normale attività di assistenza medico-generica svolta dai medici residenti convenzionati, sia del servizio di continuità assistenziale territoriale, nelle località a forte flusso turistico.
"La Lombardia con i suoi comprensori sciistici richiama ogni anno nel periodo invernale un numero altissimo di turisti. Ecco perché abbiamo voluto rafforzare l'assistenza sanitaria in quelle località che registrano un elevato numero di presenze turistiche in rapporto alla popolazione residente. Un rafforzamento complessivo, di circa 5.000 ore in più, che è stato possibile realizzare grazie alla collaborazione dei medici di medicina generale convenzionati che saranno operativi sia per le attività di assistenza primaria che di continuità assistenziale" ha spiegato con una nota stampa l’assessore Giulio Gallera.
Le località valtellinesi dell’ATS della Montagna interessate all'attivazione dei servizi aggiuntivi per l'inverno 2018-2019 sono: Livigno, Bormio, Valfurva, Valdidentro, Aprica, Chiesa Valmalenco, Caspoggio, Lanzada e Madesimo
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
12 + 8 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top