Benedetti gli animali nella festa di Sant'Antonio Abate

Si è conclusa con il tradizionale rito della benedizione degli animali da parte del parroco don Feliciano Rizzella la festa patronale di Sant’Antonio Abate a Regoledo di Berbenno, celebrazione attesissima dalla comunità che da anni nel mese di gennaio richiama numerosi partecipanti anche dai paesi limitrofi. Una mattinata che ha visto protagonisti gli amici a quattro zampe e più in generale il mondo contadino. Momenti speciali, tra passato e presente, per riflettere sull’opulenza superficiale del quotidiano vivere, riportando al centro gli autentici valori, proprio quelli custoditi da chi ogni giorno è a contatto con la natura e i suoi ritmi in un sapiente ritorno alla terra e alla gratitudine.
In tanti ad affollare il sagrato della chiesa accompagnati dai loro animali domestici e da cortile. Cani, cavalli, asini, pecore, capre e…. anche lumache. Già, anche loro, proprio come hanno ricordato i sacerdoti concelebranti durante la solenne funzione, concorrono al messaggio di salvezza del creato.
Anche quest’anno ad organizzare l’evento con magistrale perizia l’attivo gruppo degli “Amici di Regoledo”, gli Alpini di Berbenno e quattro aziende agricole locali. Gustoso e ricco il buffet. Soddisfazione espressa anche dal primo cittadino. Analoga manifestazione si è tenuta, come da tradizione, anche a Sant'Antonio Valfurva.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
7 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top