Sondrio. Una città che arrampica.

E’ oramai da considerarsi, a tutti gli effetti, un must tra le iniziative messe in campo nell’area cittadina sondriese. Un mix fatto di sport, aggregazione, socialità, affezione all’ambiente alpino e divertimento, il tutto in una cornice che delinea il tratto caratteriale più evidente di un sabato di festa. Parliamo del “Sondrio Street Climbing”, il circuito di arrampicata interamente articolato tra i palazzi del centro del capoluogo, giunto quest’anno all’edizione numero otto.

Un circuito fatto di colonne, muri, portoni e balaustre su cui arrampicare durante un arco di tempo di circa sei ore. Una tabella di marcia nella quale, quest’anno, ha fatto il suo ingresso anche lo storico rione di Scarpatetti. Tra le molteplici novità di questa edizione 2019, l’aggiunta di dieci passaggi dedicati all’arrampicata per bambini.

Nel secondo pomeriggio, poi, la fase delle finali con le spettacolari arrampicate lungo la parete del campanile della Collegiata, in Piazza Campello.

Ben quaranta i metri della verticale che hanno decretato i due vincitori di quest’anno: Nicola Bruseghini, di Caspoggio, tra gli uomini e Giada Zampa, di Cossato, Biella.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
9 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top