A Sondrio la “Notte nazionale del liceo classico”

Il rapporto tra i giovani e la cultura classica è morto e defunto? Ma neanche per sogno...
E i 407 istituti classici che, lungo l'intera penisola e in un costante crescendo di adesioni in quattro anni, sono riusciti a dare vita, lo scorso venerdì sera alla “Notte Nazionale del Liceo Classico” edizione 2018, stanno lì a dimostrare che la voglia di cultura, in Italia, è ancora viva.
Cicerone, Vitruvio, Seneca, Plinio il vecchio e poi Erodoto, Platone, Senofonte ed Esopo: poesie, cronache, saggi di una attualità sorprendente, la vera linfa dei quali sta nell'operosità di insegnanti ed alunni. Impagabile, e spesso affossato da una scarsa considerazione, l'impegno dei primi. Speranza, degna di una concreto sguardo al futuro, quella che andrebbe riservata ai più giovani... Che hanno tanto da dire.
Fra loro, lo scorso venerdì c'erano anche gli studenti del Liceo Classico Piazzi Perpenti di Sondrio.
Laboratori, letture di poesie, incontri. E poi musica e danza. Uno spettro che, proprio come la cultura, attraversa le mille finestre del fare. Creato dagli studenti, che ce l'hanno davvero messa tutta.
Nulla di polveroso e superato: il conoscere non passa mai di moda, la scuola è viva ...
Verrebbe da dire, parafrasando il cantautore, “La cultura siamo noi, nessuno si senta escluso”. Studenti ed insegnanti hanno dimostrato che a Sondrio, come nel resto d'Italia, per crescere bisogna apprendere. Creando.

 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
3 + 14 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top