I nefrologi vanno in classe

Anche quest’anno, la Nefrologia e Dialisi dell’Azienda socio sanitaria territoriale Valtellina e Alto Lario ha partecipato alla Giornata Mondiale del Rene, indetta oggi, con una campagna di sensibilizzazione capace di coinvolgere 300 studenti del Liceo Lena Perpenti, dell’Itis Enea Mattei e del Liceo scientifico Donegani, di Sondrio.
Questa mattina i primi due incontri con gli studenti nell’aula magna dell’Itis dei nefrologi Irene Acquistapace e Bruno Pagliari, e di Enea Credaro, di Montagna in Valtellina, che ha portato la propria testimonianza di persona ammalatasi ai reni a 33 anni, dializzata e, in seguito, trapiantata. Mentre il secondo incontro è previsto per il 21 marzo prossimo al Classico.

Studenti di 5a superiore che hanno risposto molto bene all’iniziativa, mostrando interesse e volontà di approfondire un tema non facile, ma che, presto, li coinvolgerà, dato che al compimento del 18esimo anno dovranno rivolgersi al loro Comune per il rinnovo della Carta d’identità e verrà posto loro il quesito se donare o meno.

Timori che i medici provano a smitizzare attraverso iniziative di approfondimento come queste utili anche a prevenire le nefropatie di cui soffre il 5% della popolazione adulta e che sono particolarmente subdole, perché non si manifestano con sintomi evidenti. Proprio come accaduto a Enea Credaro, testimonial di oggi in classe.

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
5 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top