Buche: "Basta promesse"

E' proprio il caso di dirlo: sulla questione 'buche delle strade', lo Stato ha fatto un vero 'buco nell'acqua'.
La denuncia, questa volta, è lanciata dal vicepresidente della Comunità Montana Alta Valtellina Remo Galli, nientemeno che vicesindaco di Livigno, la principale località turistica della Provincia.
L'amministratore ha preso carta e penna e ha scritto direttamente al Ministro dei Trasporti Graziano Del Rio.
L'amministratore locale, senza giri di parole, punta dritto alla questione: sono necessarie risorse per permettere all'Anas di poter eseguire il rifacimento del manto stradale della statale 301 del Foscagno, completamente dissestato.
Lo sfogo del vicepresidente arriva, dice, dopo anni di promesse mai mantenute: “Le condizioni della strada sono ormai insostenibili – si legge nella nota – l'asfalto presenta una buca unica e dà un'immagine della nostra valle da terzo mondo”.
Una situazione insostenibile, specialmente per due località turistiche rinomate in tutto il mondo come Bormio e Livigno, collegate proprio da questa rete viaria.
Un'accusa dai toni pesantissimi quella di Galli, lanciata con il chiaro intento di ricevere sì una risposta, ma soprattutto, una soluzione in tempi brevi.
E poi l'affondo: “Ormai il limite della decenza è stato superato – scrive Galli – da amministratore credo di avere l'obbligo di chidere a tutte le autorità che prendano atto di questa gravissima situazione e intervengano immediatamente affinché Anas sia messa in grado, già in questi mesi primaverili, di eseguire la riasfaltatura della strada.”

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
6 + 10 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top