Sicurezza sui treni: "Servono tornelli"

Ritardi, cancellazioni. E poi guasti alle carrozze: sono molteplici le criticità con le quali sono costretti a convivere i pendolari della Provincia: e come se non bastasse, è di soli due giorni fa la notizia dell'ennesima aggressione avvenuta nella stazione di Carnate, dove un gruppo di balordi ha preso di mira un controllore ed un poliziotto all'interno di un vagone.
Episodi dai quali non è esente la tranquilla Valtellina: il mese scorso, su un convoglio fermo a Delebio, era toccato ad una capotreno essere colpita da un pugno dopo aver invitato un passeggero sprovvisto di biglietto a scendere dalla carrozza.
Le sigle sindacali invocano misure rapide: la Cgil ieri, in una nota stampa, ha denunciato il fenomeno esigendo interventi pronti e decisi: tra questi, l'installazione dei tornelli all'interno delle stazioni.
L'episodio dei giorni scorsi ha richiamato l'attenzione anche del Prefetto Giuseppe Mario Scalia, che fin da subito si è attivato per cercare di fare luce su quanto accaduto.

All'orizzonte sembra però che qualcosa si stia muovendo nel campo della vivibilità dei trasporti: finalmente, dopo tre anni di assenza, nelle stazioni dislocate sulla direttrice Tirano – Milano è finalmente ricominciata la fornitura dei servizi idrici.
 

  • Commenti

0 Comments:

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
12 + 1 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.
Scroll to Top